L’invenzione della ruota risale all’epoca dei Flintstone, conosciuti da noi anche come Gli Antenati. Ci riferiamo ovviamente all’età della pietra non agli anni Sessanta del ventesimo secolo, quando è stata creata la popolare serie di cartoni animati. Fred Flintstone era tutt’altro che un genio, ma – circolando con un veicolo fatto di pietra, legno e pelliccia, guidato dal motore delle sue stesse gambe – aveva sicuramente anche lui una sua visione su come spostarsi in modo più rapido e comodo da A a B. Ebbene, questa visione di un mezzo di trasporto elettrico e confortevole è molto popolare ai nostri giorni, per non dire un vero e proprio must, indipendentemente dal numero delle ruote.

e-Vision

La e-bike come la conosciamo oggi è frutto del lavoro di visionari, inventori, ingegneri e sportivi. È sinonimo di libertà e indipendenza, ci consente di raggiungere mete che pensavamo irraggiungibili, regalandoci grandi soddisfazioni in città e in montagna, nella vita quotidiana e nel tempo libero.
Lo sviluppo del settore è rapidissimo, tanto che quello che solo pochi anni fa sembrava inimmaginabile, oggi è quasi obsoleto. I motori sono sempre più ingegnosi, così come i computer di bordo, che ormai sono vere e proprie centraline informatizzate. Le batterie sono sempre più efficienti, e anche il design, l’aspetto e l’ergonomia migliorano continuamente.

Il settore delle biciclette è stato e-lettrificato

Con la e-bike aumenta il movimento e si riducono le emissioni con notevoli vantaggi in termini di salute e sostenibilità. Per questo, oggi si punta a raggiungere tutte le categorie di età e di interessi, come ad esempio gli sportivi, i pendolari, le persone che fanno poca attività fisica o gli imprenditori che hanno bisogno di trasportare la propria merce con le e-cargo.

In città come nel campo sportivo, il settore delle biciclette è stato e-lettrificato. Non parliamo di biciclette classiche su cui viene semplicemente montato un motore elettrico, bensì di modelli autonomi, in produzione ormai da diversi anni, con design e tecnologie pensati specificamente per l’uso previsto. Molte visioni sulla (e-)bike sono da tempo realtà, e molte sono appena sbarcate sul mercato.

Anche il 2017 si presenta ricco di novità. Vediamone alcune in anteprima, come le e-urban dal design mozzafiato di Geero e Trek, le e-bike di Riese & Müller con il loro Dual Battery System e il casco smart di Livall, senza trascurare la vivace moda per ciclisti di Biciclista e l’innovativo concetto dei lucchetti di Kryptonite. Ma andiamo con ordine…

Abracadabra! È una e-bike, anche se non si direbbe

Geero è il risultato dell’ingegno e della creatività di due austriaci, due fratelli con un unico obiettivo, quello di lavorare meglio della concorrenza. La loro visione è quella di una e-urban rivoluzionaria, visione che Michael e Thomas Rath sono certamente riusciti a realizzare. Nell’antico fienile della fattoria di famiglia, i Rath hanno creato una e-bike che non sembra nemmeno una bicicletta elettrica: la batteria è infatti nascosta nel tubo trasversale e i componenti elettronici nel tubo piantone. Il design è di altissimo livello: semplice ma particolare, retrò ma al tempo stesso moderno. I ragazzi hanno colpito nel segno, con una performance e-ccellente e linee e-ccezionali.

Geero

Un design raffinato si combina con un sistema trainante potente, che resta però dietro le quinte. I punti di forza sono il telaio in alluminio di alta qualità, l’efficiente sistema di cambio Shimano Sora a nove velocità, la cassetta Sora 11-32T ratio (anch’essa Shimano), gli ottimi freni light weight da bici da corsa (pivot side-pull caliper), il motore senza spazzole integrato nel mozzo della ruota e la batteria da 420 Wh.

Un’altra e-bike perfetta per gli urban hipster

Anche Trek ha sviluppato una e-bike da città molto innovativa, dal design curatissimo. Anche in questo caso, vediamo come le tecnologie si evolvono con grande rapidità. La e-urban Super Commuter 8+ offre ai ciclisti urbani performance di alto livello sugli spostamenti quotidiani. Il progetto si incentra quindi sulla mobilità urbana, che da grigia e noiosa si fa vivace ed elegante. La batteria è perfettamente integrata nel telaio, così che la “e-“ di questa bike è quasi invisibile dall’esterno. Del resto, non potrebbe essere altrimenti, visto che anche Trek è frutto della passione di due visionari, due statunitensi che nella loro officina (anch’essa nata in un fienile) hanno saputo creare biciclette artigianali fuori dall’ordinario.

Trek

Il design è attraente e la potenza garantita. Ecco alcuni dettagli tecnici: telaio di alta qualità con forcella in carbonio, motore centrale Performance CX di Bosch, batteria 500 Wh, efficientissimi freni a disco idraulici Shimano e cassetta a 11 velocità.

Doppia potenza, doppia distanza, doppio divertimento

Anche Markus Riese e Heiko Müller, altri visionari delle due ruote, hanno origini modeste. La loro azienda nasce in un garage, ma con la bicicletta pieghevole Birdy fa presto il grande salto e oggi si colloca ai massimi livelli anche nel settore delle e-bike. Grazie all’innovativo sistema Dual Battery, le e-bike del marchio tedesco Riese & Müller offrono un’ampia autonomia che permette di raddoppiare la distanza percorsa. I modelli Charger Mountain (Hardtail) e Delite Mountain (Fully) montano il motore centrale Performance Line CX di Bosch e la straordinaria tecnologia Dual Battery. Le due batterie da 500 Wh danno a queste e-mtb una potenza di ben 1.000 Wh. Riese & Müller ha quindi prodotto mezzi concepiti per le lunghe distanze, per una libertà senza limiti e una potenza esplosiva anche in montagna.

Con Charger Mountain (Hardtail), modello pluripremiato, non esistono più montagne troppo alte o percorsi troppo lunghi. Ecco i dettagli tecnici: potente motore Bosch Performance CX, due batterie da 500 Wh, telaio in alluminio di alta qualità, cambio a catena ultraleggero Shimano Deore XT a 11 velocità, ammortizzatori Suntour di alta qualità ed efficientissimi freni a disco idraulici Shimano Deore XT.

Delite

Delite Mountain (Fully) è un modello nato per la montagna. Dettagli tecnici: un potente motore Bosch Performance CX, due batterie da 500 Wh, telaio in alluminio di alta qualità, cambio a catena ultraleggero Shimano Deore XT a 11 velocità, ammortizzatori Fox di alta gamma, efficientissimi freni a disco idraulici Shimano Deore XT.

Protetti e connessi

L’innovativo casco BH 60 di Livall può essere collegato allo smartphone tramite Bluetooth, è provvisto di microfono e auricolari e permette di rispondere alle telefonate in piena sicurezza. Un’app per lo smartphone e il telecomando integrato alla manopola consentono di gestire anche la musica. Interessante è anche la funzione SOS, in cui i sensori presenti sul casco registrano gli urti più forti e segnalano gli incidenti: se dopo l’urto non si registrano movimenti per un determinato arco di tempo, vengono allertati automaticamente i soccorsi, ai quali sono trasmessi dati preziosi come ad esempio la posizione esatta dell’infortunato. Il casco è provvisto anche di 8 LED, che offrono una maggiore visibilità e includono gli indicatori di direzione.

New Fashion

Anche la moda per ciclisti ha le sue novità, come dimostra il marchio italiano Biciclista. Non parliamo solo di qualità, che del resto è ormai nota, ma anche di design, con colori allegri e fantasie innovative che conquisteranno anche te. Provale!

Biciclista

Sicurezza

Kryptonite ha reinventato il lucchetto. Da quest’anno è infatti disponibile in Europa il sistema antifurto integrato ATPO (= Anti-Theft Protection Offer): registrandosi sul sito web di Kryptonite si può ottenere un risarcimento in caso di furto, in relazione al livello di sicurezza del lucchetto acquistato.

Futuristico? Neanche tanto

Come sarà il futuro? Su cosa stanno lavorando gli esperti? Innanzitutto, dato che la sicurezza è in primo piano, a un sistema ABS per la ruota anteriore dotato di dispositivo antiribaltamento. Poi si lavora intensamente per integrare batterie e motori, in modo che non si presentino più come ingombranti appendici. Ovviamente, per raggiungere l’obiettivo, sarà necessario ridurne le dimensioni e il peso. I produttori lavorano anche per aumentare la capacità delle batterie, per ottenere maggiore autonomia e coprire distanze più lunghe. Per concludere, sarà naturalmente potenziata la rete delle stazioni di ricarica. Lasciamoci stupire!

e-bike Magazine di SPORTLER

Questo articolo è tratto dall’e-bike Magazine di SPORTLER. Sfoglia il magazine.

e-bike

e-bike da SPORTLER

Scopri i modelli e-bike nel nostro shop online e vivi la tua avventura.
e-bike