Dall’Israele alla Sicilia: “la ripartenza del Giro 2018”

>Dall’Israele alla Sicilia: “la ripartenza del Giro 2018”

La prima parte del 101° Giro d’Italia è ormai storia. Lunedì mattina presto, precisamente alle cinque, e poche ore dopo la fine della terza tappa di Israele, molti dei ciclisti erano già seduti sull’aereo. Meta? La Sicilia, più precisamente Catania! Il Giro d’Italia torna dunque in patria.

(Immagine: Veloimages) Patrick Konrad corre il Giro d’Italia 2018 per il Team Bora Hansgrohe

È già accaduto in precedenti edizioni, che il Giro abbia avuto inizio in un paese straniero, ad esempio in Irlanda e nei Paesi Bassi. Quest’anno invece è stato il turno di Israele. Per molti partecipanti al Giro, una sensazione poco piacevole all’inizio ha fatto da padrona, ma dopo le tre tappe in Medio Oriente, un po’ di soddisfazione si è fatta posto. Tuttavia, era molto atteso da tutti l’arrivo in Italia. A partire dai fan già scalpitanti.

“Il ciclismo è di casa in Italia”

Preludio ordinario per Konrad in Medio Oriente

Il 26enne austriaco, che corre per la squadra tedesca Bora Hansgrohe, vanta un buon risultato portato dall’Israele: “Sono soddisfatto della mia partenza e posizionamento attuale al Giro. Si è potuto notare, che gli israeliani erano felici della nostra “incursione”. Erano presenti anche molti spettatori.”

Iniziare con il piede giusto è la cosa più importante per un lungo tour. Devi entrare subito in gara. Altrimenti, fin dall’inizio, sei destinato a rincorrere. Inoltre, un altro punto fondamentale è rimanere in salute. A differenza dello scorso anno, quando è stato sfortunato e ha dovuto combattere con un fastidioso raffreddore, quest’anno Konrad è in gran forma. Ed è anche molto rilassato. Dopo la conclusione delle prime tappe in Israele si è concesso, insieme ai suoi compagni Felix Großschartner e Christoph Pentecost, qualche match di FIFA alla Playstation.

È molto soddisfatto dell’inizio del Giro di quest’anno. Ha perso 35 secondi dal primo, l’australiano Rohan Dennis, solo tre in meno rispetto al favorito del Giro, il britannico Chris Froome. Nella classifica provvisoria, Konrad è al 17° posto, ancora tutto quindi da giocare per lui, anche perché i punti di forza dell’austriaco saranno importanti nell’ascesa verso nord. E poi…

“Adesso il Giro ricomincia in Sicilia!”

(Immagine: Bettini)

(Immagine: Bettini foto) Adesso il Giro ricomincia in Sicilia!

Relax e cibo durante il giorno libero

Naturalmente, al Giro d’Italia 2018, ci sono anche pause e giornate libere. E sono del tutto necessarie.

  • Ma cosa fa un ciclista professionista in un giorno di riposo, soprattutto se, in questo giorno, c’è un faticoso trasferimento da Israele in Italia da affrontare?

“Sveglia alle cinque, più il volo: è stato stremante”, dice Konrad a proposito della prima giornata senza bicicletta al Giro di quest’anno. Dove “senza bici” non è del tutto vero. Per un allenamento di circa un’ora e mezza, infatti, gli atleti sono saliti in sella, visto l’obiettivo della tappa imminente del martedì. Nel poco tempo libero, Patrick Konrad & Co. hanno giocato a fare i turisti: “abbiamo visitato l’Etna!” Successivamente, consueto “menu” per un ciclista professionista: massaggio dal fisioterapista, relax e cena.

  • E poi?

“Nanna!”, ride Patrick Konrad, “dopotutto, la giornata è stata alquanto impegnativa.”

Al Giro-Store

Le maglie ufficiali del Giro d'Italia e tutti gli articoli ufficiali per i fan...

trovi tutto nel Giro Store!

Al Giro-Store
  
2018-05-18T17:34:50+00:00

Leave A Comment