Bastoncini Trekking: Guida all’acquisto

>Bastoncini Trekking: Guida all’acquisto

All’inizio i bastoncini da trekking erano consigliati soprattutto durante le discese per diminuire il carico del peso sul ginocchio. Oggi, però, si usano tantissimo anche per le risalite. I negozi specializzati offrono bastoncini di ogni genere e natura, ma come scegliere quelli giusti?

Il tradizionale bastone da trekking è sempre stato sinonimo di movimento: era fatto di legno, spesso decorato con emblemi, stemmi o intagli, e accompagnava gli escursionisti per valli e colline sostenendoli su ripidi passaggi in discesa. I modelli più moderni sono leggeri, realizzati in alluminio o carbonio, pieghevoli o telescopici, dotati di maniglie ergonomiche e di cinturini e, al contrario dei classici bastoncini da passeggio, vengono utilizzati in coppia.

Bastoncini Trekking

Ogni escursione ha il bastoncino indicato per aiutare l’escursionista.

Caratteristiche e differenze

  • Materiale: alluminio o carbonio. Prezzo e peso sono le maggiori differenze tra i due materiali: il carbonio è più leggero dell’alluminio e quindi più costoso, l’alluminio si piega quando viene sottoposto a una forza eccessiva, mentre il carbonio si spezza.

  • Lunghezza: i bastoncini da trekking devono essere adatti e adattabili alle dimensioni del corpo, altrimenti non è possibile ottenere un supporto adeguato in discesa o una spinta ottimale in salita. Nel primo caso devono essere un po’ più lunghi, nel secondo più corti. Come regola empirica per determinare la lunghezza corretta dei propri bastoncini, si può facilmente utilizzare la formula “lunghezza del corpo x 0,68”.

  • Impugnatura: fatta in materiale solido sintetico, materiale espanso o sughero, ognuno con i suoi pro e contro. La plastica dura più a lungo ma fa sudare le mani aumentando il rischio di scivolamenti o vesciche; la schiuma assorbe il sudore, offre una buona presa ed è anche molto resistente; il sughero è altrettanto comodo e assorbente ma purtroppo non è così resistente come gli altri due materiali.

  • Cinturino: questo anello in tessuto all’estremità superiore del manico del bastoncino serve a fissare ulteriormente la mano, in particolare durante la discesa. La mano deve essere sempre inserita nel cinturino dal basso: questo è l’unico modo per scaricare la pressione in entrambi i sensi di marcia.

  • Dimensioni: i bastoncini da trekking sono telescopici (allungabili) o pieghevoli. Da un lato, la possibilità di cambiare la lunghezza consente un adattamento ottimale alle dimensioni del corpo, dall’altro lato, i bastoncini pieghevoli possono essere facilmente attaccati allo zaino quando non sono in uso per essere trasportati a lungo.

bastoncini alpin

Ogni escursione ha il bastoncino indicato per aiutare l’escursionista.

  • Conclusione: i bastoncini da trekking sono particolarmente adatti per le escursioni che presentano maggiori dislivelli perché facilitano l’ascesa e la discesa dell’escursionista, soprattutto quando lo zaino è più pesante. Sono particolarmente utili per le escursioni a lunga distanza durante le quali il carico del ginocchio è particolarmente elevato a causa della lunghezza del percorso. Per mantenere il naturale senso dell’equilibrio, però, di tanto in tanto si dovrebbe anche camminare senza bastoncini.

shop online

Tutto per il trekking....

...trovi a nostro shop online!
shop online
  
2020-06-05T15:14:46+00:00

Leave A Comment